A STOMACO VUOTO - Il Lazzaretto

lazzaretto

Mostra - dal 27 febbraio al 02 marzo

22 artisti si misurano con il tema delicato e complesso del digiuno. 

Un tema che vuole essere l’opportunità di una riflessione inedita attraverso gli occhi di tanti diversi designer.

A stomaco vuoto non allude solo all’assenza di cibo, è una metafora di altri vuoti. Rimanda ad assenze e digiuni di ogni genere, a sottrazioni, a cambiamenti, a rigenerazioni. È un invito a misurarsi coi limiti ma anche a spogliarsi del superfluo e andare all’essenza e all’essenziale di tutte le cose. In un tempo in cui viviamo una bulimia di cibo, di notizie, di connessioni virtuali. In un tempo in cui c’è chi mangia troppo, chi non ha niente da mangiare e chi può scegliere di rimanere a stomaco vuoto.

 

Testo di Linda Ronzoni
Ideazione di Linda Ronzoni, Andrea Vitullo, Alfred Drago
Curato da DWA, Frederik De Wachter, Alberto Artesani
Progetto Grafica di Meccano Floreal, Linda Ronzoni
Comunicazione Spin-to

 

Designer e artisti coinvolti:

  • Acquacalda - PRIVAZIONI/scatola con coperchio
  • Adriano Design - Il sistema Takaje
  • Analogia Project - Fasting Religions
  • Andrea Vecera - #foodporn
  • Arabeschi di Latte - 1909
  • César Mendoza - Ristorante “La Pace dei Sensi”
  • Studio De Ferrari Architetti - Lo stomaco dell’Architetto
  • Design Gang - Soul OUT
  • Diego Grandi - Mollicola 2015
  • Donata Parruccini - Un buco nello stomaco
  • DWA - Dusk
  • Francesca Perani - Starving?
  • Garth Roberts - Fare
  • Karmakina - Melameno
  • Sofie Lachaert & Luc D’Hanis - Sausage cement tiles, silver bucket and precious stool
  • Luc Guy Beaussart - Trance
  • Paolo Maccarrone - Machine à penser
  • Patricia Urquiola - 40 days
  • Peter Marigold - Dug and Stuff
  • Servomuto - Fame
  • Studio Dessuant Bone - Fasted